Ultima modifica: 22 Settembre 2022

23 – Sars-CoV-2 – Indicazioni operative A.S. 2022-2023

CIRCOLARE N° 23

Catania,22-09-2022

       A tutto il personale Docente e ATA
Agli studenti
Alle famiglie
Al DSGA
 Sito web
 

Oggetto:  Sars-CoV-2 Indicazioni operative A.S. 2022-2023 

 

Si comunica che il M.I. ha approntato un vademecum illustrativo delle note tecniche concernenti le indicazioni finalizzate a mitigare gli effetti delle infezioni da Sars-CoV-2 in ambito scolastico per l’anno scolastico 2022 -2023.

Come è noto sono state adottate dal M.I. le indicazioni dirette alla mitigazione degli effetti delle infezioni da Sars-CoV-2, contenenti il link di rinvio alle relative note tecniche pubblicate sul sito istituzionale dell’Istituto Superiore della Sanità.

Al fine di fornire un riferimento operativo utile per la pianificazione delle attività nel corrente anno scolastico, il Ministero ha trasmesso il vademecum illustrativo delle linee operative fornite che riunisce in un unico documento di sintesi le indicazioni per le Istituzioni del sistema educativo di istruzione e di formazione.

Il documento è presentato mediante slides illustrative che riportano le misure di prevenzione non farmacologiche di base da attuare, sin dall’inizio dell’anno scolastico 2022 – 2023.

Tutte le informazioni e le indicazioni che saranno qui fornite sono relative allo stato di legislazione vigente; ciò comporta che esse potranno variare, in corso d’anno, nel caso in cui – a seguito dell’eventuale crescita dei contagi – le competenti autorità nazionali dovessero emanare nuove norme o indicazioni in materia.

 

MISURE DI PREVENZIONE

Niente mascherine fatta eccezione per i fragili.

Stop per il rientro a scuola tranne nel caso in cui ci siano alunni fragili e nel caso di personale scolastico fragile. “Per gli alunni con fragilità, al fine di garantire la didattica in presenza e in sicurezza, è opportuno prevedere l’utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie e valutare strategie personalizzate in base al profilo di rischio”. Il personale a rischio avrà mascherine Ffp2 fornite dalla scuola e dispositivi per proteggere gli occhi.

A casa con oltre 37,5 di febbre.

Il documento prevede che la permanenza a scuola degli alunni non sia consentita nei casi di sintomatologia compatibile con il Covid, temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi, test per il Covid positivo.

Sanificazione locali

Il ministero raccomanda la sanificazione ordinaria periodica dei locali, che deve essere straordinaria e tempestiva in presenza di uno o più casi confermati.

Nessuna misurazione temperatura, isolamento in caso di sintomi COVID nell’aula predisposta a tal fine:

“Per accedere ai locali scolastici non è prevista alcuna forma di controllo preventivo da parte delle Istituzioni scolastiche. Ma, se durante la permanenza a scuola, il personale scolastico o l’alunno presenti sintomi indicativi di infezione da Covid viene ospitato nella stanza dedicata o area di isolamento, appositamente predisposta e, nel caso dei minori, devono essere avvisati i genitori”. Rientrano tra la sintomatologia compatibile con il Covid sintomi respiratori acuti come tosse e raffreddore con difficoltà respiratoria, vomito (episodi ripetuti accompagnati da malessere), diarrea, perdita del gusto, perdita dell’olfatto, cefalea intensa. In merito alle indicazioni su esposte, si evidenzia che ricade nella diretta responsabilità degli adulti (famiglie o dipendenti della scuola) valutare quotidianamente la propria condizione di salute (o quella dei propri figli) prima di recarsi a scuola.

Isolamento per chi è positivo.

Le persone risultate positive al Covid sono sottoposte alla misura dell’isolamento; per il rientro a scuola è necessario il test antigenico rapido o molecolare con esito negativo, anche in centri privati.

Ulteriori misure in caso di peggioramento del quadro epidemiologico:                                                                          

“Nell’eventualità di specifiche esigenze di sanità pubblica sono previste le ulteriori misure, che potrebbero essere implementate, singole o associate, su disposizione delle autorità sanitarie per il contenimento della circolazione virale e la protezione dei lavoratori, della popolazione scolastica e delle relative famiglie qualora le condizioni epidemiologiche peggiorino”.

Continuano i monitoraggi Covid:                                                                                                                                     

“In continuità con gli anni precedenti, si conferma l’attivazione del sistema di monitoraggio per valutare gli impatti che la diffusione del virus ha su tutti i gradi del sistema educativo di istruzione e di formazione.”

Contatti con positivo.

Nel caso di contatti con casi positivi, non sono previste misure speciali per il contesto scolastico. Si applicano le regole generali previste per i contatti di casi Covid confermati come indicate da ultimo dalla Circolare del Ministero della Salute del 30/03/2022 “Nuove modalità di gestione dei casi e dei contatti stretti di casi”.

IN SINTESI

L’evoluzione della situazione epidemiologica ha pertanto determinato la cessazione dello stato di emergenza e, successivamente, il progressivo venir meno della legislazione di contenimento del contagio da Covid-19, anche in ambito scolastico.

Si sottolinea che il Ministero dell’Istruzione non prevede in nessun caso la possibilità di attivare la DaD, né per singoli né per gruppi di studenti che risultino positivi al Covid-19 o che siano stati esposti ad altri contagiati.

Per gli studenti, non affetti da Covid-19, con sintomi respiratori di lieve entità e in buone condizioni generali, che non presentino febbre, le Indicazioni strategiche dell’ISS prevedono la frequenza in presenza con uso di mascherine FFP2 (preferibili) o chirurgiche, fino a risoluzione dei sintomi, igiene delle mani ed etichetta respiratoria, ossia tutti i buoni comportamenti da osservare quando ci si trova in contatto con altri (ad esempio: starnutire coprendosi bocca e naso, soffiare il naso allontanandosi dai vicini etc…).

La scuola procederà alla sanificazione periodica ordinaria e, ove occorra, straordinaria degli ambienti in cui si sia verificata una pluralità di contagi nel breve periodo, salvo che non intervengano diverse disposizioni sanitarie in argomento. In particolari occasioni in cui si prevede assembramento, potrà essere richiesto agli studenti e al personale di indossare la mascherina chirurgica, nel solo ed esclusivo interesse del buon andamento delle attività previste.

 

Allegati:

VADEMECUM

 

 

 

                                                                                      Il Dirigente Scolastico

                                                                                       Prof.ssa Maria Gabriella Capodicasa

                                                                                                         Firma autografa sostituita a mezzo stampa,
                                                                                                            ai sensi dell’art. 3 co.2 del D.Lgs 12/02/1993 n 39

 




Link vai su